Perché ad Halloween si dice “Dolcetto o scherzetto”? Qual è l’origine dell’espressione?

Bussano alla tua porta… vai ad aprire… ti ritrovi davanti dei piccoli mostri che ti dicono “dolcetto o scherzetto?”… aiuto! No, non scappare via dalla paura, perché quelle creature spaventevoli in realtà sono dei bambini travestiti a tema di Halloween, e stanno dicendo quelle parole perché è la frase di rito della nota festa. Visto che Halloween arriverà proprio tra qualche tempo, meglio farsi trovare preparati, quindi inizia a procurarti dei dolci e… scopri perché si usa dire “dolcetto o scherzetto?”. Buona lettura e buon Halloween!

“Dolcetto o scherzetto?”: attenzione a non rispondere scherzetto!

Halloween, ovvero la famosa festa dei mostri, delle streghe e degli spiriti che cade nella notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre di ogni anno, è una tradizione maggiormente americana, ma ultimamente si è diffusa in molti altri paesi, tra cui l’Italia.

Uno degli elementi che più rappresentano la festività, è il girovagare dei bambini di casa in casa travestiti da creature di ogni tipo, bussare alla porte e, dopo essersi fatti aprire, domandare la classica frase “dolcetto o scherzetto?” ( “trick or treat?” in lingua americana), aspettando di ricevere come risposta “dolcetto”, come ovviamente il più delle volte capita, e ottenere poi così il loro “bottino” fatto di cioccolatini, caramelle e leccornie varie.

Stiano però attenti i “coraggiosi” che pensano di rispondere “scherzetto”, perché i “piccoli mostri” lo potrebbero diventare sul serio, e sono pronti a “vendicarsi” combinando una qualche burla quando meno lo si aspetta!

Per sapere l’origine dell’espressione “dolcetto o scherzetto”, dobbiamo andare indietro nel tempo, arrivando al Medioevo. Prima che l’inverno arrivasse, i meno abbienti come i contadini e i bisognosi, andavano a bussare nelle case, chiedendo offerte che li avrebbero potuti aiutare a fare fronte alla stagione fredda.

Se ricevevano qualcosa, questi poveri ricambiavano con riti beneauguranti e protettivi per gli spiriti dei defunti dei proprietari, ma in caso contrario… nessuna preghiera e che la sciagura si abbattesse su tutta la casa!

Una seconda origine risalirebbe ai celti: secondo le loro credenze, era proprio a cavallo tra il 31 ottobre e l’1 di novembre che le fatine davano il peggio di loro, facendo marachelle e piccoli scherzi ai malcapitati, quindi per superare la notte “incolumi”, era meglio tenerle buone dando loro dolci e altro genere di cibo.

Oggi possiamo ritenerci fortunati, perché ad Halloween non abbiamo a che fare né con fatine dispettose e né con mendicanti vendicativi, ma solo con dei bambini… in ogni caso, rispondere sempre “dolcetto” e mai “scherzetto”, mi raccomando!

Curiosità: la storia di Halloween e… alcune storie su Halloween!

Abbiamo appena visto l’origine di “dolcetto o scherzetto”, ma come nasce la festa di Halloween vera e propria?

Il merito è sempre dei celti: nel loro calendario, tra l’ultimo giorno di ottobre e il primo di novembre, arrivava la fine dell’estate e l’inizio dell’inverno, e coincideva con il passaggio da quello che loro chiamavano anno della luce, a quello chiamato anno buio.

I celti erano soliti festeggiare questa transizione vestendosi proprio da esseri e creature mostruose per passare inosservati e fare paura a loro volta alle anime che, secondo loro, in quella precisa notte, tornavano a vagare tra i mortali in cerca di un corpo da abitare… quando si dice “nascondersi in piena vista”!

Da questa usanza della tradizione celtica, con varie trasformazioni, la ricorrenza di Halloween è giunta fino a noi, ed essendo una festività molto legata all’oscurità, agli spiriti e ai mostri in generale, non poteva che essere al centro di moltissime storie e di film, soprattutto di genere horror.

Vuoi sentirne qualcuna? Bene, ma cerca di non saltare dalla sedia!

Si racconta di un’anziana signora che, trascorsa la serata di Halloween a distribuire i dolcetti ai bambini venuti a farle visita, soddisfatta, è ormai pronta per mettersi a letto, ma ad un certo punto sente dei rumori in casa…

Impaurita, cerca di uscire dalla stanza dove si trova ma solo qualche passo e… una mano cadaverica la afferra da sotto il letto e la fa cadere per terra, per poi scoprirsi appartenere ad un bambino non-morto! Di lì a poco, la signora fu circondata da molti altri bimbi cadaveri, che poi la uccisero.

Ti starai dicendo “povera vecchietta”, ma non tutto è come sembra: quei ragazzini erano gli stessi a cui lei aveva offerto i suoi dolcetti e ora si stavano vendicando… come mai? I dolcetti erano avvelenati! (dal racconto “Black Blood”, di Martina Domaschio).

Un’altra storia: in una notte di Halloween come tante altre, un uomo con il costume da Freddy Krueger, sta passeggiando per le strade della città in cerca di qualcosa, affascinato dall’atmosfera che lo circonda: a lui Halloween piace moltissimo. Quando trova quello che sta cercando, si avvicina, lei (una ragazza vestita da strega) gli fa i complimenti per il suo costume e lui l’accarezza dolcemente… per poi affondare il suo guanto con le lame nel ventre della ragazza, lasciandola a terra morta. Fatto questo, Freddy riprende tranquillo la sua passeggiata.

Qual è la morale? Lui è per davvero Freddy Krueger e adora Halloween perché è l’unico momento in cui può uccidere dal vivo e liberamente, senza doversi nascondere nei sogni della gente o ai loro occhi!

(dal racconto “Freddy”, di Alex Panigada).

Ecco invece alcuni film a tema Halloween:

* Halloween, la notte delle streghe (1978, regia di John Carpenter)

* Unico indizio la luna piena (1985, regia di Daniel Attias)

* The Pumpkin Karver (2006, regia di Robert Mann) * Trick’r’Treat (2008, regia di Michael Dougherty)

* Goblin (2012, regia di Jeffery Scott Lando

E tu? Conoscevi l’origine della frase Dolcetto o Scherzetto? Cosa ne pensi? Dimmelo in un commento e… buona notte delle Streghe!

Il Panda Curioso

Scritto da Il Panda Curioso

Pandone è un Panda Curiosone che ogni giorno si pone tantissime domande. Perchè si dice così? Perchè si fa così? E come ogni Curiosone che si rispetti va a cercare le risposte e le condivide con tutti i suoi amici curiosi. Seguilo anche tu!

Leggi tutti i post di Il Panda Curioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.