Perché il 1 aprile viene celebrato il “pesce d’aprile”? E perché la festa si chiama così?

Nell’arco dell’anno, anche se malauguratamente poche, sono diverse le ricorrenze festeggiate, ognuna delle quali, come ben sappiamo, cade in una precisa data, si svolge con le proprie modalità e può avere un carattere più o meno solenne. Se perciò, ad esempio, Ferragosto è la festa della gita fuori porta che arriva il 15 agosto, il 1 aprile è il noto giorno degli scherzi, meglio conosciuto come “pesce d’aprile”. Ma perché ha proprio questo nome e perché qualcuno festeggia? C’è stato forse nella storia un pesce che ha fatto qualcosa di importante? Nel prossimo paragrafo tutte le risposte!

La nascita del “pesce d’aprile”

Ogni persona ha i propri gusti, in particolar modo a livello culinario: c’è a chi piace la pasta, chi la carne, ad altri ancora i dolci e chi il pesce… ma non a molti piace il “pesce d’aprile”, soprattutto se ci si trova dalla parte della vittima!

Il “pesce d’aprile” non è infatti un piatto di un ristorante stellato, ma la festa del 1 aprile, diffusa non solo in Italia, che alcuni sono soliti trascorrere facendo burle di vario genere a parenti, amici e conoscenti, e si capisce bene quindi come sia meglio essere l’artefice dello scherzo che il povero malcapitato di turno!

Sulla data e sul modo allegro in cui viene celebrata molti di noi già lo sapevano, ma quali sono le origini della ricorrenza?

Non c’è una risposta sicura a riguardo, ma soltanto delle ipotesi: negli anni antecedenti al 1592, cioè quando non era ancora stato istituito quello attuale (il gregoriano), il vecchio calendario prevedeva il Capodanno non tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio, ma tra il 25 marzo e il 1 aprile e le persone festeggiavano quindi in tale periodo… e tante hanno continuato a farlo anche dopo la modifica!

Sembrerebbe infatti che a quell’epoca, nel regno di Francia, alcuni abitanti non furono assolutamente d’accordo con la variazione della data e, imperterriti, continuavano a celebrare il nuovo anno ancora tra marzo e aprile… o forse lo facevano perché non si erano neanche accorti della novità!

Queste persone vennero quindi definite gli “sciocchi d’aprile” e per prendersi gioco di loro, altri concittadini gli regalavano, inventandosi ricorrenze fasulle, dei veri e propri “pacchi”, ossia dei regali fittizzi, insensati o senza niente dentro, se non per un biglietto con la dicitura poisson d’avril, ovvero pesce d’aprile.

Dalla Francia, il “pesce d’aprile” si è poi trasmesso a molte altre nazioni del mondo, dove viene festeggiato in maniera differente a seconda del luogo.

C’è anche qualcun altro che non ha “mandato giù bene” un “pesce d’aprile” e stava per rimanerci secco… e non per scherzo!

Una leggenda racconta di un papa che, a causa di una spina di pesce rimasta incastrata nella gola, stava rischiando di morire soffocato, ma che fu salvato dall’intervento provvidenziale del patriarca di Aquileia Bertrando di San Genesio. Per sdebitarsi, il papa vietò, tramite un decreto, di mangiare pesce nella città il giorno 1 aprile… e probabilmente ha preso una saggia decisione!

(fonti: Wikipedia e Focus junior)

Curiosità: i più famosi “pesci d’aprile” di sempre!

Per realizzare un buon “pesce d’aprile” ci vuole sicuramente un’alta capacità creativa da parte del mittente dello scherzo, ma mai nessuno se ne sarebbe aspettata così tanta, al punto da renderne certi addirittura memorabili.

Eccone alcuni particolarmente divertenti:

Gli alberi degli spaghetti: questo scherzo fu organizzato dalla BBC verso la fine degli anni 50. L’emittente televisiva annunciò, con un servizio ovviamente fasullo ma studiato a puntino, l’esistenza in Svizzera di alberi su i cui rami crescevano… spaghetti! Lo scherzo fu ancora più ricalcato, aggiungendo alla notizia il dettaglio di una stagione molto produttiva, vista la non presenza del “famigerato e pericoloso” insetto conosciuto come “punteruolo degli spaghetti” e per merito di un freddo meno rigido del solito.

L’hamburger per mancini: nel 1998, la famosa catena di fast food Burger King, avrebbe iniziato a “confezionare” dei nuovi e speciali hamburger, pensati esclusivamente per le persone mancine, la cui ricetta prevedeva ingredienti identici ai panini normali, ma con una “rotazione di 180 gradi” che avrebbe favorito la consumazione da parte di chi usa abitualmente la mano sinistra. Questi “pesci-hamburger d’aprile” vennero presentati con un finto annuncio su un giornale americano e furono tantissimi i clienti che si recarono nei rivenditori Burger King pensando di trovarli veramente!

Google Nose: siamo nel 2013 e il sito per eccellenza lancia il suo nuovissimo sistema “Google Nose”, che permetterebbe di percepire i profumi e gli odori di tutto il globo, utilizzando il proprio apparecchio informatico… davvero incredibile! Peccato però che anche in questo caso si è trattato solo di un “pesce d’aprile” riuscito benissimo, infatti ci credettero molte persone.

E se un “pesce d’aprile” viene concepito e riconosciuto come scherzo, di tutt’altro genere invece è una “bufala”. Sei curioso di scoprire l’origine e il significato di questo termine? Allora guarda l’articolo in cui ne abbiamo parlato!

Il Panda Curioso

Scritto da Il Panda Curioso

Pandone è un Panda Curiosone che ogni giorno si pone tantissime domande. Perchè si dice così? Perchè si fa così? E come ogni Curiosone che si rispetti va a cercare le risposte e le condivide con tutti i suoi amici curiosi. Seguilo anche tu!

Leggi tutti i post di Il Panda Curioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.