Perché si dice “cilecca” o “fare cilecca”? Cosa significa e com’è nato il termine?

Così come un coltello o una spada taglia, così una pistola o un fucile spara, ma ogni tanto può “fare cilecca”, cioè che si blocchi e il proiettile non esca. In questo articolo vedremo proprio il significato e l’origine di questo termine… e il perché viene usato anche in riferimento ad un momento di passione che non va come dovrebbe!

“Cilecca o “fare cilecca”: può succedere a chiunque!

Tutti sappiamo bene quanto bravura e capacità siano essenziali per svolgere determinati compiti e lavori, ma senza avere i giusti “ferri del mestiere”, questi due elementi da soli non bastano.

Si può essere, ad esempio, un ottimo scalatore, ma se non si possiede l’attrezzatura adeguata non si può sperare di arrivare molto in alto, mentre un abile cacciatore non potrebbe fare molto senza un buon fucile… che faccia fuoco quando serve e non “cilecca” proprio sul più bello, o meno bello, a seconda di quale sia la circostanza!

La parola “cilecca” indica infatti il non funzionamento del fucile (o di altra arma da fuoco) nell’attimo esatto in cui si è premuto il grilletto, con conseguente mancata fuoriuscita del proiettile. Questo comporta quindi il fallimento del colpo e il non centrare il bersaglio preso di mira.

Partendo dall’ambiente della caccia e da questa immagine di un fucile che si blocca all’improvviso e fallisce lo sparo, il termine si è spostato nel linguaggio parlato comune, portandosi sempre dietro lo stesso significato di “sbagliare, non andare a segno”, anche se viene usato poco frequentemente e in modo soprattutto informale (esempio: “il calciatore ha fatto cilecca mentre tirava il rigore”).

“Cilecca” sembrerebbe avere due possibili origini: dal termine della lingua germanica “slag”, oggi “schlag”, che si può tradurre con “colpo”, oppure dall’espressione della Germania “schleck!”, con cui, nel linguaggio tipico di alcuni dialetti del paese, si era soliti prendersi in giro.

A riguardo infatti, inizialmente la parola “cilecca” voleva dire “scherzo, burla” e solo dopo avrebbe preso il significato odierno di “fallimento“, ma in realtà, guardando intrinsecamente, non sono poi tanto lontani tra loro: quando si fallisce, è come se qualcosa, in effetti, avesse giocato un brutto scherzo!

Tenendo presente quanto detto fin qui, è facile intuire il perché possa succedere di “fare cilecca” da parte dell’uomo mentre è a letto con una donna e il perché si usa il termine anche in questo genere di contesti: considerando che l’attributo maschile, nel gergo abituale, è spesso paragonato a oggetti o animali che visivamente lo ricordano, un altro paragone spontaneo che viene da fare è quello con un fucile, che in questo caso però non è “funzionante” come dovrebbe e si “scarica” molto in fretta o, addirittura, non riesce proprio a “caricarsi”, con il risultato purtroppo di “fallire” il rapporto intimo con la partner.

Nulla di cui preoccuparsi però, fare “cilecca” può capitare a tutti e non si può prevedere… l’importante è che non succeda di frequente!

Curiosità: la barzelletta dei cacciatori e del leone

Ed è davvero molto importante che il fucile non si inceppi e che non faccia cilecca quando si va a caccia, possono confermarcelo i due personaggi di una divertente barzelletta che potresti già conoscere.

Una coppia di amici cacciatori, sta camminando nella savana. Ad un certo punto sbuca davanti a loro un grosso leone, che inizia a ruggire e a guardarli in modo decisamente poco rassicurante.

I due compari, colti alla sprovvista, si fermano sul posto, ma mentre uno è del tutto impietrito dalla paura e non riesce a fare niente, l’altro trova un barlume di coraggio, quindi imbraccia il fucile, lo punta verso il leone, prende bene la mira e spara… ma il colpo non parte!

Il cacciatore perciò esclama “cilecca!”; l’altro cacciatore, quello paralizzato, sente la parola, rinsavisce un attimo, si gira verso l’amico e gli dice: “ci lecca?? Altro che ci lecca, quello ci mangia proprio!”

Il Panda Curioso

Scritto da Il Panda Curioso

Pandone è un Panda Curiosone che ogni giorno si pone tantissime domande. Perchè si dice così? Perchè si fa così? E come ogni Curiosone che si rispetti va a cercare le risposte e le condivide con tutti i suoi amici curiosi. Seguilo anche tu!

Leggi tutti i post di Il Panda Curioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.