Perchè si dice ok? Da dove deriva l’espressione?

Per quanto la utilizziamo praticamente ogni giorno per dire che è tutto a posto, sono però convinto che tu non sappia esattamente perché si usa proprio la parolaOk” e da dove arrivi il termine. Ma non preoccuparti, perché ti dirò io tutto quello che c’è da sapere all’interno di questo articolo! Sei pronto? “Ok”, allora cominciamo!

Perchè si dice “Ok”: origine e significato

Come già detto prima, la parola “Ok” viene impiegata di continuo quasi da chiunque e, nonostante sia di provenienza americana, è entrata nel linguaggio parlato comune di molte nazioni. Il suo significato è ben noto a tutti: vuol dire “è tutto a posto” o, dal medesimo senso, “va tutto bene”. La si utilizza quando si ricevono domande sullo stato d’animo, ad esempio “Come stai?”,“Tutto bene?”, per dare una risposta favorevole, “Si è tutto ok”, “Ok tutto benissimo, grazie”, etc.

“Ok” viene usato anche per esprimere un consenso su un pensiero, una frase o un’idea di qualcun altro: “Ok va bene”, “Ok sono d’accordo”, e simili.

Inoltre in gergo confidenziale, il termine “Ok” lo si usa come giudizio positivo su qualcuno o qualcosa (es. :“Il mio amico è ok”).

Oltre che con il linguaggio verbale, “Ok” è conosciuto e usato da molti anche nella sua forma gestuale, con il pollice e l’indice della mano che si toccano sulla punta e formano una specie di cerchio, e le rimanenti dita che vanno verso l’alto.

Ma da dove arriva la parola “Ok” e da quando si utilizza?

La risposta a questa domanda possiamo scoprirla grazie Focus.it: a quanto sembra, la sigla “Ok” risale alla seconda guerra mondiale, al 1943, quando gli americani erano arrivati in Sicilia e da lì cominciarono la missione di liberazione dell’Italia.

Le battaglie che fecero arrivare a questo risultato furono molteplici, al prezzo di tantissime vittime ad ogni scontro. I soldati americani, alla fine di ogni combattimento, giravano per il campo di guerra cercando e contando i cadaveri, e scrivevano sulla bandiera il numero di morti seguito dalla lettera “K”, che stava per “killed”, la cui traduzione significa appunto “uccisi”; quindi se sulla bandiera, ad esempio, compariva scritto “5k”, significava “5 killed” ovvero “5 uccisi”.

E’ facilmente intuibile allora che se non venivano rinvenuti cadaveri, la sigla che appariva era “Ok”, quindi “O killed” cioè zero uccisi.

In questo modo il termine “Ok” venne associato ad una circostanza positiva, perché dal momento che non ci sono stati morti e sono tutti salvi, vuol dire che “va bene”, “è tutto a posto”, e così nel corso nel tempo ha assunto pian piano questo significato che è arrivato fino ai giorni nostri.

D’ora in avanti, quando sentirai o userai la parola “Ok”, non avrai più dubbi su come sia nata. Se ti va di scoprire la nascita di altri termini o frasi particolari, continua a rimanere sul blog e leggi gli altri articoli! “Ok, siamo d’accordo?”

Un saluto e buon proseguimento!

Il Panda Curioso

Scritto da Il Panda Curioso

Pandone è un Panda Curiosone che ogni giorno si pone tantissime domande. Perchè si dice così? Perchè si fa così? E come ogni Curiosone che si rispetti va a cercare le risposte e le condivide con tutti i suoi amici curiosi. Seguilo anche tu!

Leggi tutti i post di Il Panda Curioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.