Perché si dice “Seminare zizzania”? Da dove deriva l’espressione e cosa significa?

Quando una persona è solita creare problemi agli altri, si dice che “semina zizzania” o “mette zizzania”. Cosa vuol dire esattamente però questo modo di dire e da dove arriva il suo utilizzo? Immagino che tu sia curioso di saperlo, quindi prosegui la lettura dell’articolo e scoprirai tutto a riguardo!

“Seminare zizzania”: una pianta molto cattiva!

L’espressione “Seminare zizzania” è usata in senso negativo verso qualcuno che, con motivazioni per lo più futili, ha la brutta abitudine di causare problemi o disagi alle altre persone, a volte provando anche piacere nel farlo.

Questo modo di dire trae origine proprio dall’ambito agricolo: la zizzania è un’erba cattiva che riesce a crescere nascosta all’interno dei campi di grano, essendo molto somigliante a quest’ultimo nell’aspetto. La pianta, nel momento in cui nasce, condiziona in modo sfavorevole l’intera coltivazione del frumento e ne danneggia il raccolto, perché la farina che ne verrebbe fuori sarebbe nociva.

Quindi come la presenza della zizzania nel terreno rappresenta un vero problema, allo stesso modo colui che “semina zizzania” sta “seminando” problemi e situazioni conflittuali intorno a sé, ed è da questa similitudine che si utilizza oggi il termine con il suo significato.

Se ti interessa scoprire il significato di altre frasi di uso comune, resta ancora a curiosare gli altri articoli del blog, ad esempio guarda quello dove viene spiegato il perché si dice “vedere i sorci verdi” o quello sul perché si dice “perdere la bussola”!

Ciao e buona lettura!

Il Panda Curioso

Scritto da Il Panda Curioso

Pandone è un Panda Curiosone che ogni giorno si pone tantissime domande. Perchè si dice così? Perchè si fa così? E come ogni Curiosone che si rispetti va a cercare le risposte e le condivide con tutti i suoi amici curiosi. Seguilo anche tu!

Leggi tutti i post di Il Panda Curioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.